Benvenuti al Santuario Luigi di Maio

Ho sempre amato le storie dell’Orrore: Howard Phillips Lovecraft, Edgar Allan Poe, Jean Ray, Robert Bloch….  Perciò quando, su Facebook, mi sono imbattuto nel Gruppo “Luigi di Maio – ragazzo semplice a cui il destino affidò 1 grande cammino” (proprio così: “1” al posto di “un”) sono rimasto ammaliato.

Ma prima di entrarci, temendo un trappolone (ordito – che so’ – dal PD o da qualche troll) ho, cautamente, chiesto lumi alle gentile Amministratrice del gruppo: “Ma di Maio è d’accordo con questa iniziativa?”, “Ma non è un po’ iettatorio questo nome, considerando che, solitamente, le sedi sono intitolate ad attivisti illustri, ma già morti?”….  Dissolti i miei dubbi e pervenuta – dopo trepida attesa – l’accettazione della mia iscrizione, con riverenza, sono entrato nel Gruppo. Che dire? Le immaginette di di Maio (che, tra l’altro, non credo si meritasse questa fine), con le sue citazioni a farle da lumino mi hanno davvero commosso.  Anche perché pensavo ai miei anni persi nel tentativo di rendere il Movimento Cinque Stelle una organizzazione;  capace – cioè – di rapportarsi con i tanti movimenti ancora in piazza. Non è stato così. E il Movimento Cinque Stelle resta una Chiesa, con il suo Sacerdote e – a quanto vedo – anche con i suoi Santi. E con i suoi Fedeli (1.745 i membri del Gruppo) che, forse, aspettano  (per le, ormai imminenti, elezioni regionali?) una Benedizione.

Francesco Santoianni

www.francescosantoianni.it

PS

Poche ore dopo la pubblicazione di questo post, già mi appare scomparso da Facebook il Gruppo Luigi di Maio – ragazzo semplice a cui il destino affidò 1 grande cammino . Non so se è perché mi hanno buttato fuori dal Gruppo o perché il Gruppo è stato chiuso.

Comunque, ci si può consolare andando a questo indirizzo:

https://www.facebook.com/search/results/?init=quick&q=LUIGI%20DI%20MAIO&tas=0.6267667089123279

dove sono riportate altre iniziative dei  fedeli del Nostro.

Francesco Santoianni

(articolo già pubblicato nel 2014 nel sito http://pecorarossa.tumblr.com/

Facebook Comments