Coronavirus in Italia. Ma come sarebbe a dire “Non fatevi prendere dal panico!”

Ma come sarebbe a dire “Non fatevi prendere dal panico!” Questo mantra, che – dopo la scoperta di alcuni casi di Coronavirus in Lombardia – si sussegue da ore su tutti gli schermi TV serve solo a comunicare che c’è motivo per farsi prendere dal panico e l’impotenza delle autorità. L’ho insegnato per anni (in corsi, conferenze e libri) quando operavo nella Protezione civile, lo ribadisco, frettolosamente, qui.

Si, ma allora cosa dire durante questa “emergenza nazionale”?

Intanto che non c’è nessuna emergenza. Che questo Coronavirus, partendo dalla Cina (una nazione popolata da 1,386 miliardi di abitanti), in ben tre mesi si è portato via, in tutto il mondo, poco più di mille persone. E cioè molto meno di quanti ne muoiono in Italia (60 milioni di abitanti) ogni anno (9.000 persone) per polmoniti di origine influenzali. E che gli infettati in Lombardia (essendo questo coronavirus scarsamente letale: O,5% fuori dalla Cina, quasi tutte in persone anziane o già debilitate) hanno ottime possibilità di guarire in qualche settimana.

Si, ma allora perché non si basa su questo l’informazione? Perché per mesi, ormai, pur di mettere la Cina sul banco degli accusati, riproponendo quella Strategia della Paura che ormai regola l’informazione nelle società occidentali, hanno sbandierato una delle tante epidemie virali che ogni anno colpiscono il nostro pianeta in una catastrofe imminente. E ora che l’”epidemia” ha lambito anche il nostro paese non possono far altro che dire assurdità e dilaniarsi tra “razzisti” e “buonisti”.

Francesco Santoianni

(articolo già pubblicato su disastermanagement.it)

Su questo stesso argomento:

Coronavirus e psicosi di massa contro la Cina

Le 6 cose che non ti dicono sul Coronavirus

La bufala del “Coronavirus creato in laboratorio dai cinesi” arriva in Parlamento europeo

Coronavirus, l’OMS condanna i “paesi ricchi” e non la Cina

Mainstream e psicosi di massa creato ad arte: “In Russia 2 donne fuggono dalla quarantena”

Una mia intervista alla Radio iraniana Pars Today

E, visto che tutti i salmi finiscono in Gloria, i video di due mie conferenze su “Informazione e gestione delle emergenze” (la prima sul terremoto, la seconda sul  “panico”

Facebook Comments