Finalmente in libreria “Fake news: guida per smascherarle”

È l’Ibrido (via Nilo 29) la prima libreria a Napoli a mettere in vetrina “Fake news: guida per smascherarle

Non già il solito libro “contro le fake news” (magari scritto da qualche blasonato giornalista che le bufale ve le rifila ogni giorno) ma una Guida – sintesi dall’attività di un gruppo di lavoro nato sulla scia di “Scuola-Bastabufale”, per una didattica sulle fake news – che vi spiega come riconoscerle e smascherarle.

Una guida ricca di illustrazioni, case studies, quiz, link di approfondimento…  per attivisti, studenti, insegnanti… e anche per onesti giornalisti.

Nella prima parte: come smascherare fotomontaggi, video messinscena, false testimonianze… che, da anni, blasonati giornali e TV ci rifilano, quasi sempre per fare accettare guerre e governi.

Nella seconda parte: l’analisi del racconto di molte fake news, spesso caratterizzate da una assoluta illogicità. Come “i bambini con le mani tagliate dai tedeschi”, l’“album fotografico dei giustiziati in Siria”, gli “avvelenamenti ordinati da Putin”, sbalorditivi “crimini nella Corea del Nord”…

Nella terza parte: l’analisi della disinformazione. False flags per imporre guerre e “rivoluzioni colorate”, travisamento della Storia, washing mediatico; utilizzo di “complottisti”, trolls e allocchi sulla Rete, l’affidabilità degli “esperti” e dei “debunkers”…

Nella quarta parte: ingegneria sociale. Armi di Distrazione di Massa, ideologie inventate a tavolino, rivoluzioni colorate, Shadownet, story telling… per farvi combattere il “Male” in nome del Peggio

Nella quinta parte: Cambiare il Passato. Da Lorenzo Valla a Spinoza; archeologi e storici al soldo del Potere.

In appendice: COVID come le fake news hanno trasformato una emergenza sanitaria in una catastrofe

Il libro potete comprarlo anche on line.

Le librerie possono acquisirlo anche contattando questa mail:

I docenti che vogliono contribuire alle attività del Gruppo di lavoro per una didattica sulle fake news possono contattare la stessa mail.

Francesco Santoianni

Facebook Comments